18 novembre 2016, press Office Futurity

Erano solamente sei i finalisti del Futurity 4-Year-Old Non Pro Level 4, e al titolo salgono con 209,5 Edoardo “Edo” Bernardelli e RS Blue Link. Edo, un ottimo cavaliere che viene dalla Lombardia, è approdato al reining sei anni fa dopo aver acquisito una vasta esperienza in moltissime discipline equestri, e ha già al suo attivo tante buone prestazioni nonostante sia solo venticinquenne; RS Blue Link è invece uno dei tanti prodotti vincenti della Roberta’s Stable di Claudio Risso, figlio del Campione e Vicecampione del Mondo NRHA Spat A Blue e di Rs Linkwood Jac. Tra i successi di Bernardelli, che oggi monta autonomamente presso l’impianto di famiglia a Olgiate Comasco dopo avere affinato la propria esperienza seguendo alcuni dei migliori trainer italiani ed americani, spiccano i titoli di 2012 NRHA European Derby Non Pro L3 Champion & L2/1 Reserve Champion e, nel 2014, quelli di NRHA European Futurity Non Pro L3 Reserve Champion e IRHA/NRHA Futurity Non Pro 4YO L3 Champion; finalista molti special events italiani ed europei, nel 2015 Edo ha fatto anche parte del Team Italy Gold Medal ai FEI European Championships Senior di Aachen. Già sesto miglior punteggio nel primo go (211), della sua finale dice: «Non è stata quella delle nostre aspettative: ma certo  complessivamente non posso dire che sia andata male se è vero che ci siamo ritrovati a vincere… La cavalla è stata brava, onesta dentro, come nel primo go». Acquistata l’anno scorso, prima del Futurity RS Blue Link è uscita solo per due gare prova: «È una cavalla di cuore che in futuro può avere altri successi…» conclude il cavaliere.

Saturdaynight Mizzen e Susanna Sodi

Saturdaynight Mizzen e Susanna Sodi

IRHA/NRHA Futurity 4-Year-Old Non Pro Reserve Champion è il binomio Holly Jolly Whiz/Ettore Baldazzi (207,5) che si era già imposto nel primo go-round con il miglior punteggio del level 1, 212,5. La prestazione della finale è inferiore di alcuni punti, ma questo non impedisce al cavaliere bolognese e al suo stallone da Wiz Ruf Peppy x Smart Dolly Hickory allevato e addestrato da Cristian Dalla Pozza (con cui era stato finalista nei livelli 4, 3 e 2 del 2016 NRHA Open Futurity 4 Years Old) di conquistare la prestigiosa piazza d’onore in quello che per Ettore è di fatto il primo Futurity. Il cavallo è attualmente in lavoro presso Manuel Cortesi, e con lui Baldazzi ha già al suo attivo la vittoria nell’ARER Futurity Non Pro.

Il vero top score di questa finale è il bel 216,5 messo a segno da Federica Rivolta in sella a Black Magic Master, con il quale l’amazzone si aggiudica il titolo di Futurity 4-Years-Old Non Pro Level 3 e 2 Champion. Ha battuto i 13 finalisti L3 e i 16 L2 in sella alla bella figlia del 2004 IRHA Futurity Open Champion Master Snapper x Smokin Sailor Jazzy, allevata da Roberto Cuoghi. Federica ha mosso i primi passi della sua passione equestre nel nativo Piemonte, ma in seguito ha percorso la Penisola in qua e in là, prima in Romagna dove è stata allieva di Pierluigi Fabbri, poi in Lombardia, all’Ambrosini QH, assistita da due ottimi professionisti come Pierluigi Chioldo e Marco Pettinari: «Ho sempre avuto la fortuna di lavorare sotto la guida di ottimi trainer, anche se per questo ho dovuto viaggiare un bel po», commenta. Ha comperato la sua cavalla nel novembre del 2015 direttamente presso l’allevamento che l’ha vista nascere, e la prima uscita è stata a maggio di quest’anno in una regionale lombarda, prima dell’exploit austriaco dove il binomio ha conquistato in agosto l’ARHA Futurity Non Pro e Intermediate Non Pro 4-Year-Old. Ieri, a Cremona, le due hanno aumentato in maniera consistente il 210.0 del go-round: «Nel primo go sono stata piuttosto prudente, volevo fare un pattern pulito. Purtroppo ho chiuso uno spin in maniera poco precisa, il che ci è costato l’ingresso nel Level 4. In finale invece mi sono lasciata andare, uscendo dalla mia zona di sicurezza, e la cavalla mi ha ascoltata: ho spinto e lei mi è venuta dietro». In passato l’amazzone ventiseienne ha acquisito la sua esperienza con il soggetto che definisce “il suo cavallo storico”, DB Day Of Return: 2009 Challenge Futurity Limited Non Pro Champion e Intermediate Non Pro Reserve Champion; nel 2013 IRHA Intermediate Non Pro Year End Champion e nel 2014 IRHA Year End Ladies Reserve Champion. Ora, dopo un anno di pausa per completare la laurea in Economia, Federica torna alla ribalta con il nuovo compagno di avventure.
Reserve Champion Futurity 4-Year-Old Level 3 è Andrea Castrucci, proprietario del superlativo KN Reining Resort situato a Capalbio, nel cuore della Maremma Toscana, dove alleva i suoi ottimi soggetti. 211.5 il suo punteggio in sella a KR Sweet Resolve. Il castrone è figlio di una delle fattrici dell’allevamento, KR Smooth N Sweet e di Einsteins Revolution.

Susanna Sodi ha migliorato ulteriormente rispetto alla bella seconda piazza nelle eliminatorie Level 1 marcando 211 in finale e aggiudicandosi il titolo della divisione ma anche il Reserve Championship nel Level 2. Con lei in arena nientemeno che l’Open Futurity Champion Level 4 del 2015 (insieme a Pierluigi Chioldo), Saturdaynight Mizzen. Questo affascinante castrone da Saturdaynight Custom x Westcoast Mizzen, allevato da Ambrosini QH, è stato acquistato da Susanna quest’anno solo 20 giorni prima del Derby, e ha subito soddisfatto le grandi aspettative della sua amazzone laureandosi insieme a lei Level 1 Non Pro Champion. Susanna dimostra di essere coraggiosa e determinata ad affrontare simili sfide essendo in fondo una non pro abbastanza “nuova” nel mondo del reining. Il suo trainer Elio Simonini sottolinea le difficoltà che qualsiasi cavaliere affronta quando gareggia a questo livello: «Non è facile mettersi in gioco qui, sotto gli occhi di tutti. Susanna si impegna tanto. La trovo in scuderia già pronta alle 8 della mattina, e monta 6 o 7 cavalli al giorno». D’altra parte la neocampionessa riconosce che il merito va in gran parte al suo team, il suo istruttore e Alessandra Ischia: «Un risultato così si ottiene con un lavoro di squadra, e mi aiutano persino le urla del mio trainer che sento sia a casa sia nel campo di gara!». Susanna ama il reining soprattutto per i suoi cavalli, che definisce “eccezionali”. Certamente quando cerca un soggetto da acquistare è molto influenzata dallo show record, dato che in pochi mesi si è aggiudicata alcuni dei Campioni più forti d’Europa, ma spiega che per lei le emozioni sono altrettanto importanti: «Scelgo i cavalli con amore. Con Saturdaynight Mizzen avevo già preso la decisione entro i primi 5 minuti; sentivo che saremmo andati bene insieme»
A solo mezzo punto dalla Sodi si piazza Level 1 Reserve Champion Giovanni Lugarà, proprietario e manager del noto allevamento lombardo Luga QH, in sella a Thelma Whiz. Questa femmina è figlia di Topsail Whiz, il primo e unico National Reining Horse Association 11 Million Dollar Sire, e di Kachina Oak Olena. Il binomio ha migliorato di due punti e mezzo la prestazione del go-round totalizzando in finale 210.5.